Verso massimi storici del dax? Statistiche a supporto

Il Dax, si riporta sui massimi relativi fatti segnare tra metà dicembre e l’inizio di quest’anno avvicinandosi all’area principale di riferimento.

0
dax german stock exchange

Il Dax, si riporta sui massimi relativi fatti segnare tra metà dicembre e l’inizio di quest’anno avvicinandosi all’area principale di riferimento. Vediamo quali sono i possibili focus odierni.

Il discorso di Trump e l’avversione al rischio

La reazione dei mercati dopo il discorso pronunciato ieri da Donald Trump lascia pochi spazi ad interpretazioni. Ieri scrivevamo che le fasi di risk off, che si stavano alternando a fasi di respiro, avrebbero dovuto essere considerate ancora temporanee. Non solo, fino a che lo S&P500 non raggiunge l’area di 3.150, la possibilità di assistere al raggiungimento di nuovi massimi rimane concreta. Dopo le parole che hanno fatto pensare ad una de escalation, ovvero alla possibilità che non si arrivi a degli scontri a fuoco più severi rispetto a quanto visto finora, abbiamo avuto l’interruzione della salita del franco svizzero . Quando Trump ha inoltre parlato dell’economia americana, dicendo che non è mai stata così forte e che gli USA hanno raggiunto l’indipendenza energetica a livello di produzione di petrolio e gas naturale, il quadro di rilassamento si è completato. Con l’oro che ha approfondito le proprie correzioni al ribasso, già partite con le prese di profitto dopo che i prezzi avevano superato quota $1.600 e con le borse, per l’appunto, su nuovi massimi.

I listini

Lo S&P500 ha infatti raggiunto i massimi storici, andando a formare una candela giornaliera che avevamo ipotizzato all’interno del Pepperstone Trading Hub ieri mattina durante il nostro Morning Meeting giornaliero delle 9 ed è plausibile che si tentino delle estensioni tecniche oltre tali livelli, con le aree passanti per 3.275 e 3.285 papabili per potenziali estensioni. Il Dax, allo stesso modo, è tornato sui massimi relativi fatti segnare tra metà dicembre e l’inizio di quest’anno e si è avvicinato all’area principale di riferimento. Area che arriva dai massimi assoluti che il mercato ha battuto tra il novembre del 2017 e il gennaio del 2018. In sostanza le quotazioni si stanno avvicinando su un’area di resistenza statica che se dovesse saltare porterebbe alla costruzione di nuovi massimi storici.

Non abbiamo spazio per spiegare le statistiche relative ai nuovi massimi storici per l’America. I trader che ci seguono giornalmente hanno idea dei ragionamenti che abbiamo fatto su tutte le nuove salite. Ci concentriamo su un ragionamento che arriva dal passato sul Dax. A partire dai massimi di aprile 2017, le estensioni che sono avvenute oltre i primi due massimi storici segnati a partire da quella data (proprio aprile 2017 e giugno 2017), hanno fatto registrare circa 100 punti di rialzo. Ad ottobre 2017 le estensioni su nuovi massimi hanno cominciato ad essere più sostanziose, nell’ordine di 150 punti. Successivamente sono arrivati gli strappi finali, che hanno mostrato strappi nell’ordine di grandezza dei 400 punti proprio sui primi massimi storici di novembre 2017.

Questo ci restituisce delle statistiche interessanti.

In caso di formazione di nuovi massimi, l’area di 13.700 risulterebbe papabile. Da un punto di vista potenzialmente operativo, qualora dovessero mostrarsi delle estensioni altre la zona di 13.600, l’idea è quella di seguire delle prime estensioni nell’ordine di 40 punti (derivanti dall’analisi più micro dei movimenti citati finora), con il posizionamento di protezioni in pari e il taglio parziale di eventuali posizioni sui primi livelli di 13.640. Oltre a questo, occorre notare che l’esposizione netta dei trader retail (sia su US500 che su Dax) risulta ora corta. Il che, di fronte a movimenti direzionali che raggiungono livelli tecnici importanti (come la situazione attuale), risulta un campanello di allarme a livello statistico foriero di potenziali movimenti contrarian rispetto al sentiment prevalente degli operatori al dettaglio.

Nel breve periodo, l’attenzione potrebbe essere posta all’area transitante a 13.480, che se superata potrebbe condurre ad estensioni proprio verso i massimi storici citati. Occorre chiaramente tenere sotto osservazione anche la possibilità di storni e di prese di profitto, su cui molti trader stanno scommettendo. L’importante è avere sempre delle protezioni in macchina a causa di quanto visto finora )se volete ragionare sui livelli, contattateci, siamo a disposizione).

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione dell’ indice tedesco DAX: Clicca qui

dax

Dax – grafico weekly

Lo yen

Torna ad essere interessante la situazione dello yen che, con la salita delle borse ha cominciato ad essere venduto di nuovo contro dollaro. Il che fa pensare ad un ritorno di correlazioni positive tra USD/JPY e borse, dopo la pausa che ha caratterizzato le ultime settimane dell’anno. Possiamo ricominciare a trattarlo da un punto di vista tecnico e correlativo. Prestiamo attenzione all’area passante per 109.75. In caso di nuovi massimi per le borse, potrebbe lasciare spazio a tentativi di estensione verso 110 ed oltre.