UBS: miglior secondo trimestre da 9 anni !

UBS Group AG registra il miglior secondo trimestre in nove anni, ma mette in guardia dal "forte calo" dei tassi di interesse.

0
UBS Group AG

UBS Group AG registra il miglior secondo trimestre in nove anni, ma mette in guardia dal “forte calo” dei tassi di interesse.

UBS ha annunciato un utile netto di $ 1,4 miliardi nel secondo trimestre del 2019. Migliore rispetto all’utile netto di 1,28 miliardi di franchi svizzeri ($ 1,29 miliardi) nel secondo trimestre del 2018. La banca svizzera ha annunciato che questo è l’utile netto più elevato del secondo trimestre dal 2010. L’aumento del profitto arriva nonostante le diminuzioni sia nel ramo investimenti che nelle divisioni di gestione patrimoniale.

Ecco alcuni punti salienti del trimestre:
  • Il reddito operativo ha toccato $ 7,5 miliardi contro $ 7,6 miliardi l’anno fa
  • Il rendimento del patrimonio netto tangibile è stato dell’11,9% rispetto al 12% di un anno fa
  • Rapporto sul capitale di base di classe 1 del capitale proprio del 13,3% rispetto al 13,4% di un anno fa

Sergio Ermotti, amministratore delegato di UBS:

“Abbiamo visto una normalizzazione dell’ambiente uscire da una buona marzo nel resto del trimestre. Direi che i punti salienti erano chiaramente: la diversificazione ha ripagato di nuovo “.

Le azioni UBS sono rimaste sospese attorno alla linea piatta poco dopo l’apertura del mercato.

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione del titolo UBSClicca qui

UBS, tuttavia, ha visto un declino nel suo business globale di gestione patrimoniale rispetto a un anno fa. La banca ha registrato un utile operativo di $ 886 milioni rispetto a oltre $ 1 miliardo nel secondo trimestre del 2018. Anche i profitti nella sua divisione delle banche di investimento sono diminuiti rispetto a un anno fa. Ha registrato un utile operativo di $ 440 milioni nel secondo trimestre di quest’anno rispetto ai $ 571 milioni di un anno fa. Ermotti ha spiegato che “l’inversione di tendenza nell’ambiente dei tassi di interesse negli Stati Uniti ha creato pressione”.

Le aspettative del mercato indicano un taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve alla fine di questo mese. La banca centrale ha intrapreso un percorso di normalizzazione nel 2015, dopo le crisi del debito sovrano e globale. In Europa, le prospettive sono simili per la politica monetaria. La Banca centrale europea (BCE) ha affermato a maggio che se i dati economici in entrata non mostrano miglioramenti, la banca centrale sarà pronta ad annunciare ulteriori stimoli.

Ermotti ha dichiarato alla CNBC che non è sicuro se un ulteriore allentamento spingerà l’economia. “Non sono sicuro di approfondire il territorio negativo o utilizzare il QE (allentamento quantitativo) è il modo per uscire dai problemi … Abbiamo bisogno di risposte più strutturali. Ci sono serie considerazioni più ampie rispetto al solo settore bancario” da tassi bassi.”

Outlook

I commenti di Ermotti arrivano dopo che la banca svizzera ha avvertito nei suoi ultimi risultati, che un ritorno allo stimolo monetario da varie banche centrali potrebbe intaccare i profitti in futuro. “Un forte calo dei tassi di interesse e tagli attesi dei tassi continueranno a incidere negativamente sul reddito da interessi netto rispetto allo scorso anno”, ha affermato UBS.

Tuttavia, UBS prevede che un’attività diversificata, un sentiment più forte degli investitori ed una maggiore volatilità del mercato contribuiranno a compensare gli impatti delle modifiche alla politica monetaria.

Nel trimestre precedente, UBS aveva annunciato che tagliare $ 300 milioni in più rispetto ai suoi costi del 2019 dopo aver anticipato il calo dei ricavi.

“Siamo costantemente alla ricerca di soluzioni dal punto di vista strutturale e tattico e i 300 milioni erano praticamente tattici. Pensiamo sempre costantemente a come ottimizzare la nostra base di costi, ma allo stesso tempo stiamo investendo nel futuro “