Titolo ENI: conviene investire sulle azioni? Analisi fondamentale e tecnica

Il colosso oil guidato da Claudio Descalzi ha ottenuto l'assegnazione di una nuova licenza di esplorazione e produzione nel Mare del Nord.

0

Seconda notizia positiva della settimana per Eni. In video potete trovare un approfondimento di carattere fondamentale e di carattere tecnico.

Il colosso oil guidato da Claudio Descalzi ha ottenuto l’assegnazione di una nuova licenza di esplorazione e produzione nel Mare del Nord britannico come risultato della gara competitiva denominata 32° Uk Offshore Licensing Round.

La licenza, P2511, ricopre un’area di circa 340 kmq ed è ubicata nel Mare del Nord settentrionale a circa 250 km dalla costa in profondità d’acqua variabile fra 100 e 130 metri. L’area si trova in prossimità del limite tra acque inglesi e norvegesi. Dove recentemente sono state effettuate diverse scoperte a idrocarburi.

Vedi anche: Perché era scomparso Jack Ma ?

La licenza ha un periodo esplorativo iniziale di sei anni. Eni ha ottenuto un’interesse partecipativo del 100% e ruolo di operatore. Attraverso questa partecipazione, il colosso oil guidato da Claudio Descalzi rinnova il suo impegno. Con il focus verso la valorizzazione delle risorse del settore britannico del mare del Nord in cui opera da lungo tempo.

Eni è presente nel Regno Unito dal 1964 ed è attiva nell’Esplorazione e Produzione con una produzione di 55 Kboed, così come nei settori Gas & Power, Refining & Marketing e chimico.

A ottobre dello scorso anno si è aggiudicata un’altra licenza. Di cui: stoccaggio di anidride carbonica nell’area offshore di Liverpool Bay nel settore orientale del Mare d’Irlanda.

L’annuncio di oggi segue quello di ieri di Eni dell’acquisizione di Aldro Energia. Che permette al gruppo di entrare nel mercato iberico della vendita di energia elettrica, gas e servizi a clienti residenziali e aziendali. Aldro Energia conta circa 250.000 clienti principalmente in Spagna e Portogallo con un’importante focalizzazione sul segmento delle piccole e medie imprese. Eni ha l’obiettivo di accrescere il proprio portafoglio, raggiungendo gli 11 milioni di clienti al 2023. Non sono stati resi noti i dettagli finanziari dell’operazione.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui