“The Big Short”, Michael Burry spiega come scoppierà il prossimo crollo

Dopo anni di silenzio radiofonico, il Dr. Michael Burry torna a condividere i suoi pensieri sui prossimi grandi "boom" dei Mercati Finanziari.

0
Michael-J.-Burry Scion Capital

Dopo anni di silenzio radiofonico, il Dr. Michael Burry torna ancora alla ribalta, facendo il giro dei media, parlando dei suoi ultimi giochi azionari e condividendo i suoi pensieri sui prossimi grandi scoppi del mercato. Burry è il piccolo operatore di borsa, diventato famoso per le sue scommesse contro i prestiti ipotecari subprime presenti nel libro (e successivamente nel film) “The Big Short” –

In un’intervista a Bloomberg, Burry non delude. Ad un certo punto, condivide il suo scetticismo riguardo agli investimenti passivi ed il flusso di denaro che è riversato nei fondi indicizzati dalla crisi finanziaria. Burry vede somiglianze tra questi fondi ed i CDO che hanno quasi fatto crollare il sistema finanziario in vista della crisi.

Burry, che ha fatto una fortuna scommettendo contro i CDO, ha sostenuto che questi flussi passivi stanno distorcendo i prezzi delle azioni e delle obbligazioni nello stesso modo in cui i CDO lo hanno fatto per i mutui subprime. Alla fine, i flussi si invertiranno a un certo punto, e quando lo faranno, “sarà brutto”.

“Come la maggior parte delle bolle: più a lungo dura e più grave sarà”, ha detto Burry, che supervisiona circa 340 milioni di dollari AUM presso Scion Asset Management a Cupertino. Questa è una delle ragioni per cui gli piacciono gli stock di valore a piccola capitalizzazione: tendono a essere sotto rappresentati nei fondi indicizzati o lasciati completamente esclusi.

Ecco cosa ha detto Burry su una serie di argomenti:

Fondi indicizzati 

Le banche centrali e Basilea III hanno più o meno rimosso la ricerca dei prezzi dai mercati del credito: il che significa che il rischio non ha più un meccanismo di determinazione dei prezzi accurato nei tassi di interesse. Ora gli investimenti passivi hanno rimosso la ricerca dei prezzi dai mercati azionari. Le semplici tesi ed i modelli che portano le persone in settori, fattori, indici o ETF e fondi comuni di investimento che imitano tali strategie, non richiedono l’analisi del livello di sicurezza necessaria per la vera riscoperta dei prezzi.

“Questo è molto simile alla bolla dei CDO sintetici garantiti da attività prima della Grande crisi finanziaria. In quella impostazione dei prezzi ed in quel mercato non è stata fatta un’analisi fondamentale del livello di sicurezza, ma da enormi flussi di capitale basati su modelli di rischio approvati dal Nobel che si è rivelato falso “.

Rischio di liquidità

“Lo sporco segreto dei fondi passivi indicizzati – sia aperti che chiusi, o ETF – è la distribuzione del valore del dollaro scambiato tra i titoli all’interno degli indici che imitano. Nel Russell 2000 Index, ad esempio, la stragrande maggioranza delle azioni, hanno un volume inferiore (azioni con il valore più basso). Oggi ho contato 1.049 azioni che hanno scambiato meno di $ 5 milioni di contro valore durante il giorno. Questo accade a più della metà delle quotate e quasi la metà di queste – 456 azioni – ha scambiato meno di $ 1 milione durante una seduta. Eppure, attraverso l’indicizzazione e gli investimenti passivi, centinaia di miliardi sono collegati a titoli come questo. L’indice S&P 500 non è diverso – l’indice contiene i titoli più grandi del mondo, ma ancora 266 titoli – oltre la metà – sono stati scambiati oggi con meno di $ 150 milioni. Sembra molto, ma trilioni di dollari di risorse a livello globale sono indicizzati a questi titoli. Il teatro diventa sempre più affollato, ma la porta di uscita è la stessa di sempre. Tutto questo peggiora man mano che diventi ancora meno liquido sui mercati azionari ed obbligazionari a livello globale “.

Non finirà bene

“Questo gioco di attività strutturato è ancora la stessa storia. Ccosì facile da vendere, una profezia che si autoavvera così come i macchinari tecnici entrano in azione. Tutti quei gestori di denaro commercializzano commissioni più basse per prodotti passivi indicizzati, ma non sono sciocchi – lo compensano in scala. Potenzialmente peggiorando sarà l’impossibilità di sciogliere i derivati ​​e le strategie di acquisto / vendita nude utilizzate per aiutare così tanti di questi fondi pseudo-match flussi e prezzi ogni giorno. Questo concetto fondamentale è lo stesso che ha portato al mercato crolli nel 2008. Tuttavia, non so quale sarà la linea temporale. Come la maggior parte delle bolle, più dura, più il crash sarà “.

Cuscino BoJ

“Ironia della sorte, la banca centrale giapponese possiede molti dei più grandi ETF in Giappone. Questo significa che durante un panico globale che revoca il dogma esistente, i titoli più grandi in quegli indici potrebbero essere relativamente protetti contro gli Stati Uniti, l’Europa e altre parti dell’Asia che non lo fanno hanno una forza stabilizzante simile all’interno dei loro ETF e fondi gestiti passivamente “.

Capsule giapponesi sottovalutate

“In Giappone non è difficile trovare una semplice sottovalutazione estrema – multipli multipli di utili bassi o multiplo di flussi di cassa liberi bassi. In molti casi, la società potrebbe disporre di consistenti disponibilità liquide o di capitale che compongono molto del prezzo delle azioni. C’è molto valore nello spazio small cap all’interno della tecnologia e dei componenti tecnologici. Sono un grande sostenitore della continua crescita delle tecnologie remote e virtuali. Il ritracciamento globale di semiconduttori, display e industrie correlate ha danneggiato le azioni di società giapponesi più piccole collegate in modo tremendo. Mi aspetto che aziende come Tazmo e Nippon Pillar Packing, rimbalzino con un beta elevato per il settore , man mano che l’inventario dei componenti tecnologici termina e la crescita riprende “.

Accaparramento di contanti in Giappone

Ciao

“Il governo vorrebbe sicuramente vedere queste società mobilitare i loro contanti di zombi e altre cache di capitale intrappolato. Circa la metà di tutte le società giapponesi con meno di 1 miliardo di dollari nel commercio con capitalizzazione di mercato a un valore contabile inferiore a quello tangibile, e il rapporto tra valore medio delle imprese e vendite queste aziende sono inferiori al 50%. Vi sono enormi opportunità di rivalutare se le aziende prenderebbero la governance più seriamente “. “Troppe aziende sono sedute su enormi pile di liquidità e partecipazioni azionarie. E queste partecipazioni sono più elevate, rispetto alla capitalizzazione di mercato, rispetto a qualsiasi altro mercato sulla Terra.”

Attivismo degli azionisti

“Preferirei non essere attivo, e in effetti, mi riprenderò solo in risposta al diffuso valore profondo che è sorto con il sell-off in azioni asiatiche negli ultimi due anni. La mia intenzione è sempre quella di migliorare la quota valutazione aiutando il management a vedere i vantaggi di una migliore allocazione del capitale. Non sto tentando di influenzare le operazioni dell’azienda. “

Scommesse sulla “mancanza di acqua”

Alla fine del mese scorso, Burry si è seduto per un’intervista con Barron’s. Ha spiegato il suo ragionamento per la sua ultima posizione lunga in GameStop. Il rivenditore di videogiochi è stato sottovalutato, ha affermato Burry, perché la prossima generazione di console per videogiochi di Sony e Microsoft avrà probabilmente avuto unità disco ottica fisica. Il che significa che i giocatori dovrebbero acquistare i giochi da un rivenditore al dettaglio se vogliono giocarci quel giorno. Aggiunge infine che la “narrativa in streaming” ha portato le azioni di GameStop ad essere estremamente sottovalutate e che il 90% dei 5.700 negozi della catena era positivo per il proprio flusso di cassa.

“Qualche anno fa ho esaurito gli investimenti. Oggi c’è molta domanda per questi beni. Sono concentrato al 100% sulla selezione titoli.”