Tesla: Musk è un ‘mago bugiardo’ a cui non si crede più

La guida dell'azienda è il fattore più importante da monitorare, dopo la grande mancanza di guadagni di Tesla. Gli shortisti di Tesla stanno avendo giornate molto proficue.

0
musk

La guida dell’azienda è il fattore più importante da monitorare, dopo la grande mancanza di guadagni di Tesla. Gli shortisti di Tesla stanno avendo giornate molto proficue, grazie ai deboli risultati del primo trimestre della compagnia. Un analista ha addirittura soprannominato il CEO Elon Musk un “mago bugiardo”.

La casa automobilistica di Palo Alto – che ha registrato la sua prima perdita su base rettificata dal secondo trimestre del 2018 (vedi qui), ha avuto problemi significativi che hanno origini nei vertici aziendali. È quanto dichiarato dal fondatore di Accipiter Capital Management, Gabe Hoffman. “Il più grande problema per il titolo è che Elon Musk – fondamentalmente il mago bugiardo – che non è  più in grado di dire agli investitori o ai suoi seguaci del culto, ‘OK, ecco questo brillante oggetto luminoso del futuro come Tesla.’ –  Attraverso magari un milione di “robo-taxi” – come diceva ieri.

“Solo menzogne ​​sfacciate. Le persone hanno smesso di crederli. ” 

“Stanno iniziando a concentrarsi sul business reale e il business è completamente crollato. La domanda è diminuita molto significativamente negli Stati Uniti “, ha detto Hoffman. “E anche quando le persone conoscevano il numero di unità, rivelato che il 3 aprile, la società ha ancora perso quotazione.”

Hoffman non è il solo a fare questa chiamata. Il pessimismo si sta diffondendo rapidamente. Un altro ex Tesla Dan Ives, di Equity Research, ha ridimensionato il titolo in posizione neutrale dopo la trimestrale di mercoledì. “Ho coperto molte società e ho visto molti alti e bassi. Penso che la scorsa notte sia stato davvero fuori da un film di fantascienza in termini di quel trimestre … e della guida “, ha detto Ives in un’intervista. “Non c’è un pilota sull’aereo per navigare attraverso la turbolenza.”

Chiudendo, riportiamo ancora le parole di Hoffman, il quale ribadisce: “Non c’è semplicemente, credo, alcuna luce alla fine del tunnel per questi ragazzi, e credo che lo stock collasserà e potrebbe collassare molto presto.”