SP 500: target 3400 punti entro Agosto 2022

0

È troppo presto per diventare rialzisti sulle azioni nonostante la forte svendita di quest’anno, secondo Mike Wilson, il principale stratega azionario di Morgan Stanley.

Vedi anche: Investire oggi nelle Faang conviene? Ecco un indicatore utile per valutarle

Wilson ha previsto in una nota lunedì che l’SP 500 potrebbe scendere fino a 3.400pti entro la fine della stagione degli utili del secondo trimestre, che è in genere ad agosto. Si tratta di un calo di circa il 14% rispetto al livello di 3.946 dell’indice di riferimento di lunedì scorso.

Lo stratega ha affermato che i clienti azionari sono “ribassisti” – il che significa pessimisti – che secondo lui è “una condizione necessaria per un minimo sostenibile, ma insufficiente”.
Wilson ha aggiunto: “Sebbene il sentiment e il posizionamento degli investitori istituzionali attivi siano bassi, i clienti dei proprietari di asset rimangono fortemente esposti alle azioni. Man mano che si riallocano, ciò dovrebbe pesare ulteriormente sui prezzi delle azioni”.

Le azioni sono diminuite drasticamente quest’anno poiché la Federal Reserve e altre banche centrali hanno aumentato i tassi di interesse; La Russia ha invaso l’Ucraina; l’inflazione ha scosso le economie; e la crescita cinese è rallentata.

L’S&P 500 è sceso di circa il 18% quest’anno, avvicinandosi al cosiddetto territorio del mercato Orso, che segna un calo del 20% rispetto ai massimi recenti.
Wilson è stato uno dei primi strateghi a diventare pessimista sulle azioni e ha continuato ad avvertire gli investitori che c’è ancora un calo.

Lunedì ha affermato che i cosiddetti rally del mercato ribassista – rialzi periodici delle azioni durante un periodo di vendita – dovrebbero essere utilizzati dagli investitori per uscire dalle parti vulnerabili del mercato.
Lo stratega ha affermato che Morgan Stanley è particolarmente preoccupato per la volontà delle persone di spendere soldi durante un periodo di inflazione rovente. Un sondaggio della banca ha rilevato che più della metà dei consumatori prevede di ridurre la spesa nei prossimi sei mesi.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui