Petrolio: crollano le quotazioni a -5% in intraday

L'aumento delle scorte degli Stati Uniti e il prezzo del petrolio in Cina hanno spinto al ribasso il prezzo del petrolio.

0
prezzo petrolio

L’aumento delle scorte degli Stati Uniti e il prezzo del petrolio in Cina hanno spinto al ribasso il prezzo del petrolio.

Giovedì il Brent è sceso sotto i $ 70 al barile, portando le perdite nelle ultime due sessioni a più del 5%. Quali possibili cause ? I trader hanno soppesato i rischi derivanti da una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e l’aumento delle scorte negli Stati Uniti. Il Brent è sceso a Londra ad una quota inferiore ai $ 69,77 al barile. Il WTI negli Stati Uniti, ha perso una cifra simile a quella scambiata a $ 60,35 al barile.

Il sell-off ha pesato sulle compagnie petrolifere scambiate a Londra, mentre BP e Royal Dutch Shell hanno perso entrambi oltre il 2%. Gli esploratori di gas e petrolio di medie dimensioni sono stati alcuni dei più grandi “fallers” di giornata. Le compagnie petrolifere e gas sono scese oltre il 2,5%, stabilendo la discesa più marcata da inizio mese. Premier Oil è scesa di oltre il 7%, Genel Energy ha perso il 6,7%, mentre Tullow ha perso il 5,3%.

Il crollo intraday del petrolio arriva nonostante le crescenti tensioni geopolitiche in Medio Oriente.

I traders si preoccupano invece delle conseguenze della guerra commerciale USA-Cina e del suo potenziale impatto sulla crescita della domanda di petrolio. Le scorte di greggio sono considerate relativamente rigide a causa delle sanzioni statunitensi su Iran e il Venezuela e sui tagli alla produzione guidati dall’Opec. Il più grande consumatore mondiale di petrolio e il cuore del boom dello scisto – gli USA – hanno visto crescere le proprie scorte.

Le scorte di greggio negli Stati Uniti hanno raggiunto il livello più alto in due anni la scorsa settimana. Fonte: l’US Energy Information Administration

Il rischio percepito di mantenere il debito degli emittenti con rating spazzatura nell’industria energetica statunitense è salito ieri, secondo i dati di Intercontinental Exchange e Bank of America Merrill Lynch. Il divario di rendimento tra un paniere di obbligazioni che tiene traccia delle società del settore e un debito governativo con rating elevato è salito a 5,87 punti percentuali, da 5,77 del giorno precedente.

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione della materia prima PETROLIOClicca qui