PAURA sui Mercati, fed, rischio recessione e stagflazione.

0

Fino a questo pomeriggio, diverse banche – in particolare Barclays, Jefferies e Nomura – speculavano sulla possibilità di rialzi dei tassi di 75 pb (o addirittura 100 pb) da parte della FED.

Vedi anche: Bce inadeguata. Crollano Btp, Bund ed Euro

Ma erano anche considerati improbabili perché – come ha affermato in precedenza Steven Englander di Standard Chartered – questa “non è una Fed a cui piace sorprendere”. Mentre Ted Duy, osservatore della Fed di SGH Macro Advisors, ha affermato. “La Fed ha bloccato le mosse da 50 punti base per le riunioni di giugno e luglio. Una rottura con questa prevedibilità a breve termine” ripudia il L’intera strategia della Fed”. Sembrerebbe panico”.

Guy ha continuato:

“La Fed preferisce utilizzare una guida prospettica aggressiva, invece di aumenti dei tassi a sorpresa o sovradimensionati. La Fed può fare di più per accelerare l’inasprimento delle politiche aggiungendo più rialzi dei tassi e un tasso terminale più elevato in questo ciclo. Incrementi più ampi, soprattutto se si verificano sporadicamente, potrebbero minare gli sforzi per spingere i tassi in modo sostenibile più in alto. Rischiando un “incidente di mercato”.

Ebbene, potrebbe essere panico, perché pochi istanti fa, Nick Timiraos, il sussurratore interno della Fed del WSJ, che è stato ripetutamente utilizzato dalla Fed per divulgare strategicamente indicazioni chiave al mercato, ha appena scatenato l’inferno quando ha avvertito che la “stringa dei preoccupanti rapporti sull’inflazione degli ultimi giorni probabilmente porteranno i funzionari della Federal Reserve a considerare mercati sorprendenti con un aumento del tasso di interesse di 0,75 punti percentuali più grande del previsto durante il loro incontro di questa settimana”. Proseguì:

La Fed ha aumentato i tassi di mezzo punto percentuale nella riunione del mese scorso, il primo aumento di questo tipo dal 2000, a un intervallo compreso tra lo 0,75% e l’1%. La Fed ha alzato i tassi per l’ultima volta di 0,75 punti percentuali in una riunione nel 1994, quando la banca centrale stava aumentando rapidamente i tassi per prevenire un potenziale aumento dell’inflazione.

C’è di più nell’articolo, ma il succo è semplice: il WSJ stava prendendo in giro un aumento del tasso di 75 pb come una possibilità fin troppo reale, e il risultato è stato immediato: i rendimenti a 2 anni sono esplosi ai massimi della sessione, con un aumento di quasi 25 pb e un breve aumento del 3,40% …

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui