Mercati schizofrenici, ancora colpa di Trump ?

L'amministrazione Trump ha comunicato che ritardarà l'imposizione di tariffe sulle auto prodotte in Germania ed UE fino a sei mesi.

0
trump e merkel

L’amministrazione Trump ha comunicato che ritardarà l’imposizione di tariffe sulle auto prodotte in Germania ed UE fino a sei mesi, fermandosi per ora dall’ampliarsi delle dispute commerciali globali.

La Casa Bianca doveva affrontare una scadenza, quella del 18 maggio per decidere se applicare dazi sulle importazioni di auto e di pezzi di ricambio provenienti dall’UE. Per legge, l’amministrazione ha altri 180 giorni per giungere ad una decisione fintanto che negozia con le sue controparti.

Il presidente Donald Trump vede le tariffe come un modo per guadagnare influenza su partner commerciali come l’Unione europea (vedi Germania) e Giappone. Ma il presidente rischia di innescare nuovi scontri commerciali globali se si sottopone a compiti in auto. L’Unione europea, ad esempio, ha già preparato una lista di azioni di ritorsione da attuare qualora Trump dovesse prendere di mira le automobili.

Le due maggiori economie del mondo hanno aumentato le tariffe l’una sull’altra negli ultimi giorni, amplificando una lotta che ha scosso i mercati finanziari e minacciato di trascinare l’economia globale.

Il settore auto

Trump sta pensando se usare una giustificazione di sicurezza nazionale per schiaffeggiare tariffe fino al 25% sulle automobili. A febbraio, il dipartimento del commercio ha consegnato un rapporto al presidente, dicendo che poteva giustificare i doveri citando una minaccia alla sicurezza nazionale. Ha anche usato la logica per applicare le tariffe alle importazioni di acciaio e alluminio.

I legislatori di entrambi i principali partiti hanno spinto Trump a non andare avanti. Le case automobilistiche statunitensi si sono anche opposte alle tariffe potenziali. Quando il Dipartimento del Commercio diede a Trump il suo rapporto a febbraio, il gruppo industriale Alliance of Automobile Manufacturers rispose. “Imporre tariffe su veicoli e parti importati sarebbe un errore, con conseguenze negative significative” per l’industria automobilistica e i suoi dipendenti.

La reazione del mercato

Le azioni hanno subito recuperato le perdite ! Dopo la notizia dei piani dell’amministrazione, si sono verificati rialzi molto importanti sui listini USA ed Europei. Dalle immagini allegate è possibile apprezzare su TF ad 1minuto, quanto sia stato ampio il movimento intraday in pochi minuti. Le azioni di case automobilistiche come Ford e General Motors sono saltate.

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione dell’ indice tedesco DAXClicca qui

dow jones index

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione dell’ indice  DOW JONES 30Clicca qui

Di seguito potete apprezzare la reazione del mercato sul titolo BMW, quotato a Francoforte. Per rimanere aggiornato sulla quotazione in tempo reale,  Clicca qui

bmw stocks

Il DAX in Germania, è salito di circa il 14% quest’anno, mentre il settore automobilistico europeo è in aumento di circa l’11% quest’anno. Volkswagen e Daimler sono in aumento di circa il 7% e il 15%, rispettivamente.