Matteo Renzi: “Per favore, non fate gli stessi errori dell’Italia”

Matteo Renzi, ha parlato del Coronavirus e lo ha fatto collegandosi con la CNN.

0
renzi

Intervistato dalla CNN, Matteo Renzi ha invitato gli altri Paesi europei (e non solo) di non sottovalutare il rischio del contagio da Coronavirus.

Matteo Renzi, ha parlato del Coronavirus e lo ha fatto collegandosi con la CNN. L’ex Presidente del Consiglio italiano ha mandato agli altri Paesi europei, e anche agli Stati Uniti, l’invito di evitare il più possibile gli assembramenti per stoppare l’ulteriore diffusione del viru.

Il problema è che viviamo in un mondo globalizzato e per questo la mia richiesta è:  per favore, a tutti i miei amici di tutte i Paesi Europei e fatemi essere chiaro anche ai ragazzi americani, per favore non fate lo stesso errore di sottovalutazione del rischio… 

Prosegue Renzi.

Se il messaggio di incontrarci e di non avere paura è un messaggio adatto a contrastare il clima di paura lasciato da un attentato terroristico. Lo stesso non può dirsi per questo momento storico. Le parole pronunciate dal leader di Italia Viva, come ora vedremo, non sono state apprezzate da tutti.

Leggi anche: Consob: vietata oggi la vendita allo scoperto su 85 titoli

  • Italia. Al 12 marzo sono positive 12.839 persone (2.249 in più rispetto all’11 marzo).  La Conferenza episcopale italiana ha deciso di chiudere le chiese.
  • Francia. Dopo la registrazione di quasi tremila contagi e 61 morti, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato che dal 16 marzo tutte le scuole in Francia saranno chiuse per “almeno 15 giorni”.
  • Germania. Almeno 2.400 contagi in Germania. Il governo federale esclude ancora la chiusura delle scuole.
  • Regno Unito In totale, 12 persone sono morte e 596 sono i casi confermati in tutto il paese.
  • Spagna Tutti i ministri sono stati sottoposti al test per il nuovo coronavirus dopo che la ministra, Irene Montero, è risultata positiva. Positiva anche la ministra per le politiche territoriali e la funzione pubblica Carolina Darias. Le partite di calcio sono state sospese per due settimane.