Loretta Mester: “alcuni numeri economici saranno davvero negativi”

Mester ha dichiarato di non essere sicura di quanto durerà il rallentamento economico.

0
loretta mester

La crisi del coronavirus spingerà la disoccupazione oltre il 10%, ma potrebbe non essere così grave come alcune previsioni pubbliche. Lo ha dichiarato il presidente della Federal Reserve di Cleveland, Loretta Mester in un’intervista alla CNBC ieri.

Le prospettive recenti hanno visto la Fed di St. Louis stimare il tasso di disoccupazione fino al 32%, mentre Goldman Sachs questa settimana ha aumentato la sua previsione al 15%. Mester ha detto che il numero finale probabilmente potrebbe essere nell’intornodel 10%, anche se probabilmente non sarà così male come l’intervallo superiore.

“Quei numeri non sono al di fuori della gamma di possibilità, secondo le nostre previsioni alla Fed di Cleveland. Il modo in cui le cose andranno davvero dipenderà dal decorso del virus”.

Gli investitori otterranno un quadro migliore, anche se ancora incompleto, di quanto grave sarà la perdita di posti di lavoro, quando verrano rilasciati i tre punti chiave dei dati sul mercato del lavoro. Gli ADP pubblicheranno il conteggio mensile delle plusvalenze private. Il Dipartimento del Lavoro seguirà con richieste settimanali di disoccupazione giovedì. Ed infine venerdì le buste paga non agricole. Il numero di richieste dei sussidi di disoccupazione della scorsa settimana, ha mostrato 3,3 milioni di nuovi moduli di richiesta, indicando numeri che l’economia statunitense non ha mai visto.

“Non una tipica recessione”
“In questo momento in termini di ripercussioni, abbiamo effettivamente detto alle persone di rimanere a casa e chiudere le tue attività commerciali. E questa è la cosa giusta da fare data la gravità della situazione in cui ci troviamo. Quindi non è irrealistico pensare che vedremo emergere alcuni numeri economici davvero negativi in ​​termini di richieste di disoccupazione, in termini di persone che non sono iscritte nel libro paga, perdono il lavoro, in termini di attività economica in declino”.

Mester ha dichiarato di non essere sicura di quanto durerà il rallentamento economico. Dipenderà dal corso del virus e da come funzionano le misure preventive per contenere la sua diffusione. La recessione “non è una tipica recessione”, in quanto si è verificata in un’economia sana che è stata deliberatamente portata a un punto morto per combattere una malattia.

“Parte dell’obiettivo ora è quello di offrire prestiti e assicurarsi che i mercati finanziari, rimangano liquidi e rimangano su basi solide. Attutire lo shock delle persone conivolte nell’economia, che a febbraio sembrava molto buona … in modo che quando arriviamo dall’altra parte di questo … l’economia e l’attività economica possono tornare “.

Una parte fondamentale di ciò sarà far sì che le banche forniscano finanziamenti a imprese e privati.

“Una delle cose che ci rende in una posizione migliore rispetto ad alcuni altri paesi, è che il nostro sistema bancario è stato fortemente coinvolto in questo. Una delle altre azioni intraprese dalla Fed è quella di incoraggiare davvero le banche a continuare a prestare”.

Loretta Mester è stato l’unico membro del Federal Open Market Committee a votare contro il tasso di interesse di riferimento della banca centrale quasi a zero. Ha affermato di non pentirsi di quel voto, poiché ha ritenuto più importante ripristinare il corretto funzionamento dei mercati.