L’esito elettorale in Georgia spinge il rendimento del T-Note oltre l’1%

Il rendimento del T-Note a 10 anni è salito di 0,06 punti percentuali all'1,02% durante la sessione asiatica.

0
t-note

I rendimenti del Tesoro USA a 10 anni [ T-Note ] hanno raggiunto l’1% per la prima volta in più di nove mesi. Gli investitori hanno ormai fiducia che i Democratici siano pronti a conquistare il Senato. Migliorando così le prospettive di Joe Biden di far passare la sua agenda al Congresso.

Il rendimento del bond a 10 anni è salito di 0,06 punti percentuali all’1,02% durante la sessione asiatica. Il democratico Raphael Warnock (Dem) ha vinto una delle due elezioni di ballottaggio del Senato USA in Georgia. Le vittorie in entrambe le gare del Senato della Georgia darebbero ai democratici e ai senatori che si schierano con il partito nella camera alta, insieme al voto decisivo tenuto dal vicepresidente, il controllo di entrambe le camere. Il sostegno dei rendimenti ha esteso una svendita negli ultimi cinque mesi del debito pubblico USA, che ha subito un’accelerazione all’inizio di novembre sulla svolta del vaccino BioNTech / Pfizer Covid-19.

Leggi anche: Insidie, opportunità e persone da monitorare nel 2021

Il ritmo ha accelerato a dicembre dopo che il Congresso ha approvato un programma di stimolo da 900 miliardi di dollari dopo mesi di stallo. I democratici hanno ripetutamente chiesto aiuti più generosi ai cittadini e maggior sostegno diretto ai governi statali e locali. I repubblicani invece, hanno sostenuto la linea di una minore spesa. La possibilità di ulteriori stimoli sotto un’amministrazione Biden, ha rafforzato il sentiment degli investitori che gli Stati Uniti affronteranno un’ulteriore ondata di casi di coronavirus e problemi economici. Tuttavia, i gestori di fondi prevedono attualmente una ripresa economica nella seconda parte del 2021, che aiuterà a riaccendere le pressioni inflazionistiche. Ultimamente infatti, una stima di mercato delle aspettative di inflazione nel prossimo decennio è aumentata.

Il tasso di pareggio a 10 anni, derivato dai prezzi dei titoli di Stato statunitensi protetti dall’inflazione, ha superato il 2% questa settimana, un livello raggiunto l’ultima volta alla fine del 2018.

I tassi bassi hanno contribuito a sostenere le valutazioni in aumento del mercato azionario statunitense che ha raggiunto i $42 trilioni. I futures oggi, indicano un calo dei titoli tecnologici.

→ Consulta in tempo reale il rendimento del T-Note 10yClicca qui

La Federal Reserve ha risposto tagliando i tassi di interesse a zero e intervenendo pesantemente sui mercati di finanziamento a breve termine. Si è inoltre impegnata ad acquistare una quantità illimitata di debito del governo USA e ha implementato 13 linee di prestito per sostenere i mercati del debito, comprese quelle per obbligazioni spazzatura e obbligazioni municipali. Quelle azioni, insieme alla contrazione economica senza precedenti causata dai blocchi legati al coronavirus, hanno soppresso i rendimenti e tagliato drasticamente i costi di indebitamento del governo. Nonostante quest’ultimo abbia venduto una quantità record di nuovi titoli del Tesoro per finanziare pacchetti di stimolo approvati dal Congresso. Molti analisti prevedono che il rendimento del T-Note aumenterà fino all’1,25% entro il prossimo anno. Ma è probabile che faticherà a scambiare in modo sostenibile al di sopra di quel livello. Motivo? La Fed potrebbe essere un potenziale ostacolo a rendimenti drammaticamente più alti, data l’attenzione della banca centrale nel mantenere le condizioni finanziarie accomodanti per sostenere la nascente ripresa economica.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui