La nuova scommessa di Michael Burry

Michael Burry è meglio conosciuto per la sua scommessa da un miliardo di dollari contro il mercato immobiliare statunitense a metà degli anni 2000.

0

Michael Burry è meglio conosciuto per la sua scommessa da un miliardo di dollari contro il mercato immobiliare statunitense a metà degli anni 2000, che è stata immortalata nel libro dell’autore Michael Lewis “The Big Short”. Il capo di Scion Asset Management ha anche gettato le basi per il recente short-squeeze di GameStop quando ha investito nel rivenditore di videogiochi nel 2019.

Guarda anche: Tesla, nessuno ve lo dice ma…

L’investitore è stato scettico nei confronti di Tesla almeno dallo scorso autunno, quando ha iniziato a twittare sulla redditività limitata della casa automobilistica, sulla dipendenza dalle vendite di crediti regolamentari e sulla valutazione altissima rispetto ai suoi colleghi del settore.
Burry ha rivelato di essere corto su Tesla a dicembre e ha definito il prezzo delle sue azioni “ridicolo”. Da allora, la società di veicoli elettrici di Elon Musk ha registrato un’impennata della capitalizzazione di mercato del 37%, fino a raggiungere i 780 miliardi di dollari.

Il capo di Scion ha paragonato la sua scommessa contro Tesla alla sua scommessa sul crollo del mercato immobiliare in un tweet a gennaio. “Il mio ultimo Big Short è diventato sempre più grande e anche PIÙ GRANDE”, ha detto. “Goditela finché dura.”

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui