La bolla più grande di sempre | Crollo dei mercati nel 2022 e cosa puo succedere

0

La bolla più grande di sempre | Crollo dei mercati nel 2022 e cosa puo succedere

Consiglio a tutti di guardare il video che trovate qui in basso fino alla fine, vi ho inserito anche un indice del video ed i minuti e temi affrontati potrebbe esserci di grande aiuto, qualcosa si dovesse verificare come tanti grandi investitori stanno millantando un periodo economico difficile nel futuro.

Vedi anche: Investire sul Silver nel 2022: è davvero arrivato il momento?

» Indice del video
00:00 | La più grande bolla di sempre
00:55 | Confronto Giappone / USA situazione marco
01:30 | Il grande crollo dei mercati e dell’economia giapponese e del nikkei
03:40 | Esempio SP 500 e tempi di recupero
04:50 | Oggi cosa sta ambiando sui mercati
06:00 | Dati e connessioni chiave USA Giappone
07:15 | PE RATIO la differente tra Giappone e USA
07:50 | Giappone Usa due economie a confronto
09:30 | Non dobbiamo escludere bear market
09:50 | Ray Dalio non esclude un possibile crollo dei mercati
11:05 | Segui le nostre dirette su Telegram

Sperando di fare cosa gradita, mi farebbe piacere leggere il tuo commento. Una buona giornata ed un buon trading.

L’attuale pandemia, sebbene assolutamente tragica, è stata molto meno catastrofica, ma a causa della risposta politica sembra anch’essa destinata a lasciare il segno nel cambiamento dei modelli di vita e di lavoro. A differenza del 1350, tuttavia, dove il cambiamento dei prezzi di beni e servizi segnalava squilibri nella domanda e nell’offerta, le coraggiose azioni monetarie e fiscali di governi e istituzioni hanno distorto questo meccanismo di scoperta dei prezzi.

Durante i primi mesi del lockdown, la crescita economica è diminuita e il prezzo di molte azioni – e persino delle obbligazioni – è sceso rapidamente. Le banche centrali hanno risposto, come avevano fatto durante la Grande Crisi Finanziaria (GFC) del 2008/2009, tagliando i tassi di interesse o, laddove i tassi di interesse non potevano essere ulteriormente ridotti, aumentando gli acquisti di titoli di stato e altri titoli di qualità elevata.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui