JP MORGAN contro tutti. Le previsioni del 2022 sui mercati

Un team di JP Morgan guidato da Dubravko Lakos-Bujas, chief equity strategist USA, vede un ulteriore rialzo delle azioni in vista, sebbene più moderato.

0

Un team di JP Morgan guidato da Dubravko Lakos-Bujas, chief equity strategist USA, vede un ulteriore rialzo delle azioni in vista, sebbene più moderato.  Crescita degli utili migliore del previsto, allentamento degli shock di offerta, miglioramento del background sulla Cina. (che JPM ha aggiornato a sovrappeso sulle aspettative per l’allentamento delle politiche e poiché i premi per il rischio azionario derivanti dalle mosse normative vengono scontati). E  mercati emergenti. Le abitudini di spesa dei consumatori si normalizzaranno e, cosa più importante, le banche centrali saranno comunque poco aggressive.

Vedi anche: Goldman Sachs punta su queste 5 azioni per il 2022

“Anche se ci sono state battute d’arresto sporadiche con le varianti di COVID-19 (ad esempio delta, omicron), questo deve essere visto nel contesto di una maggiore immunità naturale acquisita con il vaccino. Una mortalità significativamente più bassa e nuovi trattamenti antivirali”. Ha affermato il team, che ha messo a dura prova l’importante ruolo delle banche centrali.

“Con questo in mente, il rischio chiave per le nostre prospettive è un cambiamento aggressivo nella politica della banca centrale. Specialmente se persistono le dislocazioni post-pandemia (ad esempio un ulteriore ritardo nella riapertura della Cina, problemi alla catena di approvvigionamento, carenza di manodopera continua)”. Ha detto Lakos-Bujas.

La banca vede una politica della Federal Reserve “ampiamente accomodante” nonostante il tapering, e soprattutto in vista delle elezioni di medio termine del prossimo novembre, con un extra di $ 1,1 trilioni di espansione del bilancio della banca centrale dei mercati sviluppati fino al 2022. Si prevede “rotazione dell’inflazione piuttosto che un’accelerazione su ampia base in prezzi” . E una liquidità aziendale record che guiderà gli investimenti di capitale, i ritorni degli azionisti e le fusioni e acquisizioni.

La maggior parte del rialzo per le azioni statunitensi dovrebbe essere osservata tra ora e la prima metà del 2022.

“Quando i venti favorevoli della politica monetaria e fiscale saranno più forti, seguiti da azioni laterali nel 2H22”. Quando l’azione della Fed potrebbe guidare un po’ di de-risking e intra-correzione del ciclo.

Per quanto riguarda azioni e settori, alla banca piace sia un’esposizione azionaria sia un’esposizione sul petrolio. Su quest’ultimo prevedono un aumento dei prezzi. (JP Morgan prevede che i prezzi del petrolio raggiungeranno i 150 dollari entro il 2023). Non solo, finanziari, servizi al consumo, sanità e small cap. Il settore dei viaggi e del tempo libero ha “rischio-rendimento estremamente attraente, mentre lo slancio sta “diventando di nuovo sempre più affollato sui titoli growth”, ha ammonito la banca.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui