J.P. Morgan: i risultati del quarto trimestre 2019

JP Morgan batte la stima degli analisti sul profitto del quarto trimestre. Conferma ricavi record a Wall Street.

0
JP Morgan Chase

J.P.Morgan batte la stima degli analisti sul profitto del quarto trimestre. Conferma ricavi record a Wall Street.

J.P. Morgan Chase ha registrato profitti ed entrate che hanno superato le aspettative degli analisti con un aumento delle entrate commerciali del quarto trimestre. La banca ha dichiarato oggi che l’utile del quarto trimestre è aumentato del 21% a $ 8,52 miliardi, ovvero $ 2,57 per azione, rispetto alla stima di $ 2,35 degli analisti intervistati.

Ecco cosa si aspettava Wall Street:

  • Guadagni: $ 2,35 per azione, un aumento del 19% rispetto all’anno precedente
  • Entrate: $ 27,94 miliardi, con un aumento del 4,2% rispetto all’anno precedente.
  • Margine di interesse netto: 2,37%
  • Entrate di trading: reddito fisso $ 2,61 miliardi, azioni $ 1,37 miliardi

J.P.Morgan, la più grande banca americana per attività, è il primo importante istituto finanziario a riportare utili. La società è seguita da vicino dagli investitori alla ricerca di indizi su come le attività del settore di Wall Street, si sono protratte nel trimestre.

Jennifer Piepszak, direttore finanziario di J.P. Morgan, ha dichiarato che le entrate commerciali sono state “significativamente” più elevate nel quarto trimestre rispetto a un anno fa.

Il rimbalzo proviene dalle operazioni di trading a reddito fisso del settore, che sono aumentare in media del 25%, rispetto a un aumento del 3% delle entrate di borsa.

I titoli bancari hanno chiuso il 2019 in una fase di strappo, superando gli indici azionari nel quarto trimestre. J.P. Morgan, in particolare, è salito lo scorso anno di circa il 40%, una brusca salita, che ha spinto alcuni analisti a tagliare le loro raccomandazioni in base alla valutazione.

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione del titolo J.P.MORGAN: Clicca qui

Ma quest’anno le banche potrebbero subire pressioni poiché i tassi di interesse rimangono bassi o vengono addirittura ridotti ulteriormente. La Federal Reserve ha tagliato i tassi di riferimento per la terza volta in ottobre, e ciò preme il reddito da interessi netto, o le entrate che le banche ottengono dalla riscossione dei pagamenti del prestito, meno l’interesse che paga ai depositanti.

Leggi anche: J.P. Morgan: i risultati del secondo trimestre 2019