Il NYSE chiuderà il Trading Floor di New York

La borsa di New York chiuderà temporaneamente i suoi piani di negoziazione a partire da lunedì.

0
NewYork Stock-Exchange

La borsa di New York chiuderà temporaneamente i suoi piani di negoziazione a partire da lunedì.

Passerà alla negoziazione completamente elettronica, dopo che un dipendente e una persona che hanno lavorato al piano, sono risultati entrambi positivi al coronavirus questa settimana. I piani azionari di borsa e delle opzioni di trading a New York chiuderanno le loro porte agli operatori. Così come riportato nel comunicato, sarà la chiusura sarà applicata anche nella di San Francisco.

Stacey Cunningham, presidente del NYSE:

“I nostri mercati sono pienamente in grado di operare in modo completamente elettronico per servire tutti i partecipanti, e procederemo in questo modo fino a quando non potremo riaprire i nostri piani di negoziazione ai nostri membri. Mentre prendiamo le misure precauzionali per chiudere i piani di negoziazione, continuiamo a credere fermamente che i mercati dovrebbero rimanere aperti e accessibili agli investitori. Tutti i mercati del NYSE continueranno a funzionare durante il normale orario di negoziazione nonostante la chiusura dei piani di negoziazione. ”

Il Floor rimarrà aperto questa settimana, fino a venerdì. Martedì è stato “completamente igienizzato utilizzando i trattamenti raccomandati dalle agenzie federali” e lo sarà di nuovo mercoledì sera.

Puoi leggere il comunicato ufficiale del NYSE: clicca qui.

“Questo è un grosso problema”, ha detto l’analista indipendente Larry Tabb. “La domanda è: il Floor fornisce un processo differenziato o solo un marketing differenziato? Immagino che lo scopriremo se il Floor aprirà di nuovo, o se rimarrà “elettronico”. In tal caso risparmieranno l’enorme costo di funzionamento. “

Il mercato azionario statunitense ha chiuso per due giorni nel 2012 in seguito all’uragano Sandy. Il NYSE aveva precedentemente chiuso per quattro giorni di borsa dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

Le oscillazioni selvagge dei mercati azionari hanno sollevato dubbi sul fatto che le borse debbano rimanere aperte. Ma i principali regolatori – tra cui il segretario al Tesoro Steven Mnuchin e il presidente della Commissione per i titoli e gli scambi Jay Clayton – e i dirigenti delle società di cambio rimangono orientati a favore dell’apertura dei mercati.

Il NYSE ospita il 25% del trading azionario per le società quotate lì. Ospita inoltre oltre il 36% delle negoziazioni in blocco comprendente almeno 10.000 azioni, secondo la società.

Leggi anche: Coronavirus: la BCE lancia un nuovo QE da 750 miliardi di euro