Il 2022 é l’anno 0 sui Mercati Finanziari. Ecco cosa sapere

0

L’S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average venerdì hanno concluso le loro peggiori settimane dal 2020. I principali indici che hanno esteso le mosse a frusta che hanno iniettato nuova volatilità nei mercati.

Vedi anche: BCE spalle al muro | Riuscirà a salvare i bond e…

L’S&P 500 è salito di 8,07 punti per la giornata, o 0,2%, a 3674,84, mentre il Nasdaq Composite ha guadagnato 152,25 punti, o 1,4%, a 10798,35. Il Dow è sceso di 38,29 punti, o dello 0,1%, a 29888,78. Tutti e tre hanno concluso la settimana con forti perdite. L’S&P 500 è sceso del 5,8% per la settimana, il calo più grande da quando la pandemia di Covid ha agitato i mercati nel marzo 2020. Il Dow è sceso del 4,8% per la settimana, il calo più grande da ottobre 2020.

Anche il mercato delle criptovalute, un tempo caldo, ha avuto una settimana pazzesca.

Rafforzando le preoccupazioni degli investitori sul fatto che non ci sia nessun posto dove nascondersi dall’attuale turbolenza del mercato. Una delle più grandi piattaforme di prestito di criptovalute, Celsius Network LLC, ha detto ai clienti domenica che avrebbe sospeso tutti i prelievi. L’ansia si è diffusa rapidamente in tutto il settore per tutta la settimana. Aziende come Coinbase hanno annunciato grandi licenziamenti e i prezzi di bitcoin e altre criptovalute sono crollati.
I mercati di ogni genere stanno affrontando una resa dei conti. L’inflazione alta da decenni sta agitando i consumatori e gli investitori si chiedono se le banche centrali come la Federal Reserve potrebbero agire in modo troppo aggressivo per combatterla e finire per far cadere l’economia in recessione. La Fed ha segnalato questa settimana che avrebbe continuato ad aumentare i tassi al ritmo più rapido degli ultimi decenni, il che potrebbe pesare ulteriormente sulle azioni.

L’S&P 500 è entrato in un mercato ribassista lunedì e ha continuato a scendere martedì. Le azioni sono salite mercoledì dopo che la Fed ha annunciato il suo più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994, per poi invertire la rotta giovedì quando gli investitori hanno digerito la realtà della continua inflazione.

“La grande domanda è: ‘La Fed stringerà così tanto da causare una recessione?’ Questo è ciò che il mercato azionario sta cercando di scontare”, ha affermato Jay Willoughby, chief investment officer di TIFF Investment Management.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui