Fineco – Unicredit: separazione sempre più vicina

Fineco e Unicredit si allontanano.Quest'ultima ha presentato ai mercati la volontà di riconoscere piena indipendenza a FinecoBank.

0
Fineco ed Unicredit

Fineco Bank e Unicredit si allontanano. Per ora solo formalmente. Con un comunicato congiunto diramato oggi il gruppo di piazza Gae Aulenti, ha presentato ai mercati la volontà di riconoscere piena indipendenza a FinecoBank.

Unicredit controlla il 35,479% della banca guidata da Alessandro Foti.

Al contempo, potrebbe “alleggerirsi” in vista di una possibile cessione di ulteriori quote di FinecoBank. Quest’ultima è attiva nel risparmio gestito e del private banking. È la quarta banca italiana per capitalizzazione di Borsa dopo Intesa Sanpaolo, la stessa Unicredit e Mediobanca.

Ad oggi, FinecoBank ha dei benefici limitati con il resto del gruppo Unicredit. In caso di completa indipendenza, la stessa potrebbe focalizzarsi al 100% sul proprio sviluppo strategico e sulle prospettive di crescita autonoma.

Dal comunicato: “non avrebbe implicazioni sul modello di business di Fineco né sui clienti e, inoltre, non comporterebbe nessun impatto significativo sul suo solido profilo di capitale e liquidità, né sulla sua redditività”. Le azioni concordate “consentirebbero ad Unicredit di cogliere qualsiasi opportunità di mercato, anche nel breve termine, in relazione alla sua quota nella controllata”. Ovvero, un diminuzione della quota di partecipazione non dovrebbe sorprendere. Ed è perfettamente in linea con gli obiettivi del ceo del gruppo Unicredit, Jean Pierre Mustier.

Garanzia Finanziaria

Inoltre: “al 6 maggio 2019, Fineco detiene circa 8,3 miliardi di euro di obbligazioni Unicredit. Dal punto di vista del capitale regolamentare, l’attuale esposizione di Fineco nei confronti di Unicredit è pari a zero, essendo parte dello stesso gruppo bancario. Al fine di mantenere sostanzialmente inalterata l’attuale esposizione regolamentare in caso di potenziale uscita futura di Fineco dal gruppo Unicredit, Unicredit concederà delle garanzie finanziarie a favore di Fineco al fine di garantire le esposizioni al rischio di credito di Fineco nei confronti di Unicredit fino alla scadenza naturale delle obbligazioni di Unicredit nel 2024. Di conseguenza, l’assorbimento in termini di attivo ponderato e il rispetto dei limiti di concentrazione del rischio per Fineco rimarranno sostanzialmente inalterati anche a seguito di una potenziale uscita futura dal gruppo Unicredit. Pertanto, Fineco conferma la sua attuale strategia di investimento della liquidità, senza impatti significativi attesi sulla sua redditività”.

→ Consulta in tempo reale l’attuale quotazione del titolo FINECO BANKClicca qui