Euro Dollaro: rischio crollo e parità all’orizzonte ?

L'Euro è sceso costantemente dall'inizio di febbraio poiché i trader hanno risposto ai segnali sempre più aggressivi della Federal Reserve statunitense.

0

L’Euro è sceso costantemente dall’inizio di febbraio poiché i trader hanno risposto ai segnali sempre più aggressivi della Federal Reserve statunitense.

Vedi anche: Apple, Amazon Q1 2022: oggi in diretta i dati delle trimestrali…

Un rally globale del dollaro sta attraversando i mercati. Gli investitori scommettono che la maggior parte delle banche centrali rimarrà indietro rispetto al ritmo degli aumenti dei tassi della Federal Reserve statunitense.

L’indice del dollaro DXY, che misura la forza del dollaro rispetto a un paniere di altre valute, ha raggiunto il suo punto più alto dal 2017, lasciando un segno nella sterlina e in una serie di mercati emergenti. Piccoli ulteriori guadagni porterebbero il dollaro al suo punto più forte in due decenni.

L’euro è sprofondato nel punto più debole dall’aprile 2017 mercoledì a 1,0524 dollari. Con gli investitori che scommettono che la Banca Ccentrale Europea sarà cauta nel rimuovere gli stimoli poiché la guerra in Ucraina getta un’ombra sulla ripresa economica del blocco. “Il mercato è convinto che la Fed sarà più aggressiva della BCE in quasi tutti gli scenari”. Ha affermato Athanasios Vamvakidis, responsabile della strategia di cambio presso Bank of America. “Penso che stiamo assistendo a una capitolazione attesa da tempo da parte degli investitori che erano stati riluttanti ad andare short [l’euro contro il dollaro]”.

La FED dovrebbe aumentare rapidamente i tassi di interesse mentre combatte l’inflazione in un’economia che è in gran parte isolata dalle ricadute della guerra in Ucraina.

Mentre i mercati hanno iniziato a scontare la fine della politica monetaria estremamente accomodante nell’eurozona, la BCE dovrebbe procedere con cautela. Data la minaccia per l’economia della regione dall’impennata dei prezzi dell’energia che potrebbe peggiorare se il blocco decidesse di imporre sanzioni alla Russia esportazioni di petrolio e gas.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui