Ecco un CONSIGLIO GENIALE per Investire sui Mercati Finanziari

0

Cosa succede dopo il minimo sui Mercati delle large cap statunitensi? L’esperienza del 1997-2013, in cui l’S&P 500 ha fatto due volte il giro di 700-1500, mostra perché questa domanda è importante. Considera la domanda “quando l’S&P potrà vedere di nuovo il suo massimo di gennaio di 4.797?” Sulla base dei tassi di composizione tipici, la risposta è 3-5 anni. Questa è una buona notizia. Dal 97 al 13 ci sono voluti 5-7 anni.

Vedi anche: Petrolio, prezzi shock! Ipotesi devastante di JP Morgan

Argomento n.1: invece di concentrarci solo su dove potrebbero essere i minimi delle azioni statunitensi, consideriamo anche cosa succederà dopo.

Per capire perché, ricordiamo l’esperienza 1997 – 2013:
L’S&P 500 ha iniziato il 1997 a 73pti. È raddoppiato nei 3 anni successivi e ha raggiunto il picco nel marzo 2000 a 1.527pti.
I mercati ribassisti del 2000-2002 ha riportato l’S&P a 777pti nell’ottobre 2002. Nell’ottobre 2007 è poi salito a un massimo di 1.565pti.
La crisi finanziaria ha riportato l’indice a un minimo di 677pti nel marzo 2009. L’S&P 500 ha finalmente raggiunto un nuovo massimo storico il 28 marzo 2013 a 1.569pti.

In breve: l’S&P 500 ha sostanzialmente girato 700-1500 non una, ma due volte, in un periodo di 15 anni. Tre punti su quel percorso:
Sì… Da gennaio 1997 a marzo 2013 (S&P 500 da 737 a 1.569), l’indice è aumentato annualmente al 5,2%. Gli investitori a lungo termine hanno fatto bene.

Ma… hanno dovuto vivere 2 cicli di boom-bust, con un calo del 49-57% dal picco al minimo, per ottenere quel risultato.

Almeno i successivi 10 anni sui Mercati sono stati migliori, con l’S&P che si è aggravato annualmente all’11,3% fino a marzo 2022. Questa storia è una delle ragioni per cui c’è così tanta attenzione sulla questione di “dov’è il fondo” in questo momento. Le preoccupazioni per la recessione spiegano parte di questa fissazione, dal momento che non sappiamo davvero dove andranno gli utili aziendali in una recessione economica. Più importante per l’investitore a lungo termine, tuttavia, è la possibilità di bassi rendimenti negli anni a venire. Il periodo 1997-2013 è abbastanza recente che sappiamo tutti che la scelta di punti di ingresso interessanti può aiutare in modo significativo i rendimenti.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui