Ecco svelato cosa c’è dietro quel strano messaggio sponsorizzato sui canali telegram

Il CEO di Telegram, Pavel Durov, ha pubblicato giorni fa un post sul suo canale Telegram ufficiale che ha sostenuto il progetto.

0

Secondo Telegram, la sua blockchain TON non è più morta ma è tornata in vita come Toncoin. Il CEO di Telegram, Pavel Durov, ha pubblicato giorni fa un post sul suo canale Telegram ufficiale che ha sostenuto il progetto.

Vedi anche: Mercati SELL OFF parzialmente ricoperto (include modulo tassi di interesse growth…

“Quando Telegram ha detto addio a TON l’anno scorso, ho espresso la speranza che le future generazioni di sviluppatori un giorno avrebbero portato avanti la nostra visione di una piattaforma blockchain per il mercato di massa. Quindi sono stato ispirato nel vedere i campioni dei concorsi di programmazione di Telegram continuare a sviluppare il progetto TON aperto, che hanno ribattezzato Toncoin”.

 La dichiarazione ha provocato un aumento di quasi il 30% del prezzo del token toncoin, secondo i dati di CoinMarketCap.

È stata una mossa sorprendente da parte dell’azienda, che non ha mai commentato i progetti che utilizzano il suo codice blockchain, abbandonato dopo un incontro con la Securities and Exchange Commission statunitense nel 2020. L’approvazione sembra porre fine alla rivalità informale tra due team che hanno rilevato il codice open source di TON e hanno lanciato blockchain separate di proof-of-stake. Free TON (recentemente ribattezzato Everscale) e Toncoin. Entrambi i loro token sono quotati in numerosi scambi di criptovalute.

Durov ha sottolineato l’assenza di un legame tra Toncoin e Telegram. “A differenza del TON originale, Toncoin è indipendente da Telegram. Ma auguro alla sua squadra lo stesso successo. Insieme alla giusta strategia di go-to-market, hanno tutto ciò di cui hanno bisogno per costruire qualcosa di epico”.

Tuttavia, alcuni osservatori affermano che la dichiarazione lascia aperta la questione del coinvolgimento di Telegram con Toncoin, violando potenzialmente il divieto della SEC di lanciare qualsiasi token crittografico fino al 2023. Divieto imposto dopo che la società ha risolto il suo caso giudiziario con l’autorità di regolamentazione.

“La domanda chiave qui è se il sistema giudiziario statunitense sarà disposto a scavare nella connessione [tra Telegram e Toncoin] e se Durov avrà abbastanza tempo e denaro per un nuovo round di combattimenti”. Ha affermato Fedor Skuratov, un ex comunità manager di TON Labs, la società sostenuta da venture capital che ha aiutato Telegram a testare la blockchain prima che abbandonasse il progetto.

Durov potrebbe provare a mostrare all’autorità di regolamentazione statunitense che non potrebbe effettivamente fermare la sua tecnologia, ha detto Skuratov. Ha “sostenuto Toncoin e allo stesso tempo ha formalmente preso le distanze”.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui