Ecco perché la paura domina le scelte di investimento sui Mercati

0

Negli ultimi due anni, la “paura di perdersi” è diventata il mainstream. I giovani investitori al dettaglio armati di un “assegno pronto-uso” si sono riversati nei mercati finanziari. Il richiamo di soldi facili e stili di vita sontuosi era troppo difficile da rinunciare.

Vedi anche: Questi FATTORI innescheranno il prossimo BULL MARKET

Tuttavia, gli eventi recenti sono il punto in cui F.O.M.O. divenne più visibile. In realtà, la “paura di perdersi” ci accompagna da oltre un decennio. Come mostrato, ripetuti cicli di interventi monetari hanno creato un senso di azzardo morale nei mercati finanziari.
Qual è esattamente la definizione di “azzardo morale”? “La mancanza di incentivo a proteggersi dal rischio quando si è protetti dalle sue conseguenze, ad esempio dall’assicurazione.”

I massicci interventi della Federal Reserve hanno fornito un incentivo perverso ad assumere forme estreme di rischio. Da I.P.O., S.P.A.C. o Criptovalute speculative, gli investitori credevano che la Fed li stesse proteggendo dalle conseguenze del rischio. In altre parole, la Fed li ha effettivamente “assicurati” contro potenziali perdite.
La lezione insegnata agli investitori era che la Fed avrebbe salvato qualsiasi calo del mercato. Pertanto, la “paura di perdersi” prevale sulla “necessità di uscire”.

Questo è il caso che vediamo attualmente nei mercati? “Sono terrorizzato, ma non vendo!”
Non sorprende che gli investitori siano terrorizzati dal fatto che il mercato sia sceso di quasi il 20% finora quest’anno. Come mostrato dal nostro indice composito di investitori sia al dettaglio che istituzionali, la paura è dilagante. Il sentiment rialzista netto è attualmente al livello più basso dalla profondità della crisi finanziaria.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui