È un ribasso diverso sui Mercati, cosa manca ?

0

Il mercati azionari statunitensi, hanno chiuso un’ennesima ottava negativa, trascinato in territorio “mercato Orso”. Tutta via l’indice della Paura – il VIX – non ha realizzato spike importanti.

Vedi anche: Quando CROLLANO i mercati c’é una sola via di salvezza |…

Si dice spesso che i mercati rialzisti si arrampichino su un muro di preoccupazione, con occasionali scivolate lungo la strada. Quando i mercati ribassisti si manifestano, ci sono anche pause periodiche per riprendere fiato. Questo è stato il tema degli ultimi tempi. Gli investitori che si sono allontanati dal sollievo dal fatto che i politici stiano intraprendendo azioni aggressive per frenare l’inflazione per paura dell’effetto che tali azioni potrebbero avere sulla crescita economica.

Una delle migliori scommesse di recente è stata la volatilità. L’indice di volatilità VIX, comunemente chiamato “indice della paura” perché tiene traccia della domanda degli investitori per un tipo di strumento finanziario che offre protezione contro i ribassi del mercato, è più che raddoppiato nell’ultimo anno, superando ben 30pti. L’indice è sceso a circa 15 volte durante la seconda metà dello scorso anno. Il livello più basso dall’inizio della pandemia.

Le ragioni delle oscillazioni al ribasso del mercato azionario sono a questo punto ben stabilite:
  • Una combinazione di problemi della catena di approvvigionamento. E un’economia calda ha causato un aumento dei prezzi.
  • Per combattere l’inflazione, la Fed sta alzando i tassi di interesse in modo aggressivo.
  • Gli investitori sono preoccupati che gli sforzi della Fed possano far precipitare l’economia in recessione.
  • C’è anche una pandemia persistente e una guerra in Europa.

Anche il mercato azionario stesso può essere una preoccupazione economica. In tutto, il calo delle azioni quest’anno ha cancellato circa 12 trilioni di dollari di valore dai portafogli degli investitori. Questo è già più del calo di 8 trilioni di dollari nel 2008, durante la più grave crisi finanziaria in un secolo, anche se su base percentuale il calo del 2008 è stato maggiore. Nel tempo, l’aumento e la caduta delle azioni possono spingere e trascinare l’economia attraverso qualcosa che gli economisti chiamano effetto ricchezza. Quando le persone si sentono più povere, anche se le loro perdite sono per lo più sulla carta, potrebbero non spendere tanto, intaccando l’economia.

Gli analisti affermano che è improbabile che il mercato si riprenda fino a quando non ci saranno segnali di inflazione sotto controllo. Una minore inflazione, a sua volta, eliminerebbe la pressione sulla Fed e sulle altre banche centrali per aumentare rapidamente i tassi, invertendo il ciclo di feedback negativo in cui il mercato e l’economia sembrano essere bloccati.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui