Crolla il FTSE MIB cosa succede sul mercato italiano

Lo Stoxx 600 paneuropeo ha chiuso in ribasso del 2%, dopo aver guadagnato circa lo 0,5% in apertura. Forti vendite sull'indice Ftse Mib.

0
ftse mib

Lo Stoxx 600 paneuropeo ha chiuso in ribasso del 2%, dopo aver guadagnato circa lo 0,5% in apertura. Forti vendite sull’indice Ftse Mib. Le utility sono scese del 3,5% a causa delle perdite, mentre le risorse di base sono aumentate dello 0,8% con l’aumento dei prezzi delle materie prime.

Guarda anche: Petrolio alle STELLE, un rally incredibile, dove può arrivare ?

Il crollo per le azioni europee è arrivato tra i timori accresciuti per il futuro dell’Ucraina con ulteriori segnalazioni di esplosioni nella capitale Kiev durante la notte. All’inizio di questa settimana un’enorme colonna di veicoli militari russi si stava dirigendo verso la capitale, suscitando preoccupazioni sul fatto che la Russia avrebbe presto lanciato un attacco su larga scala alla città.

La seconda città più grande dell’Ucraina, Kharkiv, ha subito pesanti bombardamenti. Il sindaco di Kherson ha affermato che le forze russe hanno preso il controllo della principale città portuale nell’Ucraina meridionale. Giovedì a Wall Street, le azioni statunitensi sono scese a causa del rallentamento dei rapidi movimenti nei mercati energetici e obbligazionari e gli investitori hanno monitorato la guerra in Ucraina.
La banca al dettaglio austriaca Erste Group è salita del 9,5% in Europa guidando lo Stoxx 600.

In fondo all’indice blue chip europeo, il minatore anglo-russo Polymetal International ha continuato a crollare a causa della sua esposizione alla Russia, perdendo oltre il 37%. Société Générale ha detto giovedì che sarà in grado di farcela se le sue attività russe venissero eliminate. La banca francese ha affermato che la sua esposizione in Russia è stata di 18 miliardi di euro (19,97 miliardi di dollari). Le azioni sono scese dello 0,6%.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui