Cosa spaventa i mercati finanziari parla il prof Angelo Ciavarella

I futures sulle azioni statunitensi hanno vacillato nelle prime ore del mattino, mentre i prezzi del petrolio hanno continuato a salire.

0

Mercati: i futures sulle azioni statunitensi hanno vacillato nelle prime ore del mattino, mentre i prezzi del petrolio hanno continuato a salire dopo che l’OPEC e un gruppo di produttori di petrolio guidati dalla Russia hanno deciso di continuare a pompare più greggio.

Vedi anche: ALIBABA crolla in borsa: rischio delisting cosa devi sapere

I futures per l’S&P 500 sono scesi dello 0,1%. L’indice è cresciuto giovedì nonostante l’incertezza sul potenziale impatto della variante Omicron sull’economia globale. I contratti per il Nasdaq-100 incentrato sulla tecnologia sono scesi dello 0,3% venerdì e i futures per il Dow Jones Industrial Average sono rimasti piatti.

Gli investitori sono alle prese con l’impatto poco chiaro di Omicron per l’economia globale. La variante ha innescato nuove restrizioni in tutto il mondo, sollevando nuovi ostacoli ai viaggi all’estero proprio mentre stava iniziando a riprendersi dalle misure Covid-19 dello scorso anno. Gli scienziati stanno cercando di valutare l’efficacia degli attuali vaccini contro la variante. I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono scesi venerdì mattina, in vista della pubblicazione del rapporto sull’occupazione di novembre.

Infatti nei mercati obbligazionari il rendimento del titolo del Tesoro di riferimento a 10 anni è sceso all’1,4444% alle 4:00 ET. Anche il rendimento del Treasury trentennale ha ceduto meno di un punto base all’1,7644%.

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti rilascerà il rapporto sui salari non agricoli di novembre. Gli investitori si aspettano di vedere una solida crescita dei posti di lavoro il mese scorso, con gli economisti intervistati da Dow Jones che prevedono 581.000 posti di lavoro aggiunti a novembre.

Nella riunione del 14-15 dicembre, i funzionari della Fed potrebbero anche considerare di rinnovare la loro dichiarazione politica per smettere di caratterizzare l’aumento dell’inflazione come “transitorio” e per chiarire le loro prospettive per gli aumenti dei tassi di interesse il prossimo anno. È probabile che le loro nuove proiezioni individuali mostrino che la maggior parte di loro si aspetta un aumento di più di un quarto di punto percentuale l’anno prossimo.

“Avete visto la nostra politica adattarsi e vedrete che continuerà ad adattarsi”, ha detto Powell ai legislatori durante le udienze della scorsa settimana.

L’inversione di tendenza di Mr. Powell è accelerata nell’ultimo mese poiché una serie di nuovi dati ha mostrato che le pressioni sui prezzi aumentano e si ampliano in un contesto di robusta ripresa economica, secondo i commenti pubblici e le recenti interviste.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui