Coronavirus, Trump: “stiamo lavorando a stretto contatto con la Cina”

Il presidente Donald Trump ha dichiarato in un tweet di aver parlato con il suo omologo cinese Xi Jinping.

0

Il presidente Donald Trump ha dichiarato in un tweet di aver parlato con il suo omologo cinese Xi Jinping “in modo molto dettagliato” della pandemia COVID-19.

La Cina e Stati Uniti mirano a lavorare più da vicino insieme alla luce della diffusione del coronavirus, hanno detto i leader di entrambi i paesi in una telefonata di venerdì a Pechino.Finora ha ucciso oltre 24.000 persone in tutto il mondo. Gli USA hanno superato la Cina durante la notte come il paese con i casi di virus più confermati.

tweet Trump

“La Cina ha dato molto e ha sviluppato una solida conoscenza del virus. Stiamo lavorando a stretto contatto insieme. Molto rispetto!”

La conversazione telefonica ha seguito la riunione in videoconferenza dei leader del G-20, durante la quale Xi ha richiesto una maggiore cooperazione internazionale. Il virus è stato segnalato per la prima volta a fine dicembre nella città cinese di Wuhan e da allora ha ucciso oltre 3.200 persone nel paese. Al momento la diffusione del virus a livello nazionale si è fermata. Ma la Cina ha intensificato comuqnue gli sforzi per impedire ai viaggiatori di riportare la malattia dall’estero, chiudendo i confini con gli stranieri a partire da sabato.

Xi Jinping: Nelle circostanze attuali, la Cina ed USA dovrebbero unirsi per combattere l’epidemia … La parte cinese è disposta a continuare a fornire informazioni ed esperienza con gli Stati Uniti senza riserve.

Nella telefonata con Trump, Xi ha affermato che la parte cinese è disposta a continuare a fornire informazioni ed esperienza senza riserve. Rilevando che alcune province, città e aziende in Cina stanno fornendo agli Stati Uniti forniture mediche.

La parte cinese comprende le attuali difficoltà degli USA ed è disposta a fornire supporto nell’ambito delle capacità. Non era immediatamente chiaro se la Cina distribuisse forniture o se sperasse solo di venderne di più. La Cina ha donato alcune forniture esternamente dall’inizio della crisi, oltre ad accettare l’assistenza dall’esterno.

Xi ha anche sottolineato che spera che gli Stati Uniti proteggano la salute e la vita di molti studenti internazionali cinesi negli Stati Uniti. La telefonata tra i due leader in mezzo all’emergenza globale segue quasi due anni di crescenti tensioni commerciali. Risolte solo parzialmente a gennaio con la firma di un accordo commerciale di fase uno. Secondo il rapporto dei media dello stato cinese, Trump ha affermato che l’esperienza della Cina gli ha dato “grande ispirazione” e che l’America avrebbe protetto i cittadini cinesi negli Stati Uniti, compresi gli studenti internazionali.

Leggi anche: Jerome Powell: “potremmo essere in recessione, ma…”