Coronavirus, sospensione mutuo, nuovo modulo e chi ne ha diritto

Chi si trova in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus, da oggi può chiedere la sospensione delle rate anche per importi fino a 400mila euro

0
sospensione mutuo coronavirus
La conversione in legge del cosiddetto ‘Decreto Cura Italia’, prevede, per chi è in difficoltà con il pagamento del mutuo sulla prima casa, la sospensione delle rate anche per importi fino a 400mila euro.
Si tratta in sostanza di un ampliamento della potenziale platea visto che inizialmente la soglia per poter accedere al beneficio era di 250mila euro. A comunicarlo è stato lo stesso Ministero dell’economia pubblicando online anche il nuovo modulo da compilare (qui il pdf da scaricare)
 

Il nuovo modulo per la sospensione del mutuo sulla prima casa

In base alla nuova normativa viene ammessala sospensione del mutuo e del relativo pagamento delle rate fino a 18 mesi.
 

Chi ha diritto alla sospensione del mutuo

Il fermo delle rate è estesa anche ai lavoratori dipendenti con una sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni, ai lavoratori autonomi ed ai professionisti (inclusi commercianti e artigiani) che abbiano subito un calo del proprio fatturato superiore al 33% rispetto al fatturato dell’ultimo trimestre 2019.
 
È possibile beneficiare della sospensione del mutuo anche se ne è già fruito in passato. Possono essere ricomprese sia le rate con scadenza successiva alla data di presentazione della domanda, sia le rate scadute e non pagate antecedentemente a tale data, purché il ritardo nei pagamenti non sia superiore a 90 giorni consecutivi.
La misura si applica anche a mutui concessi da meno di un anno. Per poter acceder al fondo e veder sospese le rate del proprio mutuo inoltre  non è più richiesta la presentazione dell’Isee.  
Per poter ottenere la sospensione del mutuo il cittadino deve contattare la banca che ha concesso il mutuo, la quale dietro presentazione della documentazione necessaria procede alla sospensione del finanziamento.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui

Leggi anche: Amazon: i risultati del primo trimestre 2020