Catastrofe sui mercati, la resa dei conti. Parla il prof. Angelo Ciavarella

0

I mercati globali hanno chiuso la prima metà dell’anno più rovinosa degli ultimi decenni, lasciando gli investitori in attesa di ulteriori perdite. L’accelerazione dell’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse hanno alimentato una disfatta durata mesi che ha lasciato illesi pochi mercati.

Vedi anche: Anonymous attacca il fondatore di Terra Luna (tema crypto)

L’S&P 500 è sceso del 21% fino a giovedì, subendo la peggiore prima metà dell’anno dal 1970, secondo Dow Jones Market Data. Le obbligazioni investment grade, misurate dal fondo quotato in borsa iShares Core U.S. Aggregate Bond, hanno perso l’11%, segnando il peggior inizio di un anno nella storia.
Azioni e obbligazioni nei mercati emergenti sono crollati, colpiti dal rallentamento della crescita. E le criptovalute sono crollate, causando forti perdite sia ai singoli investitori che agli hedge fund.

L’unica cosa che è aumentata nel primo semestre sono stati i prezzi delle materie prime. I prezzi del petrolio sono saliti sopra i 100 dollari al barile e i prezzi del gas negli Stati Uniti hanno raggiunto i record dopo che la guerra Russia-Ucraina ha ribaltato le importazioni dalla Russia, il terzo produttore mondiale di petrolio.

Ora, gli investitori sembrano essere d’accordo su una sola cosa: una maggiore volatilità è in arrivo. Questo perché le banche centrali dagli Stati Uniti all’India e alla Nuova Zelanda hanno in programma di continuare ad aumentare i tassi di interesse per cercare di frenare l’inflazione. Le mosse probabilmente rallenteranno la crescita, portando potenzialmente le economie in recessione e generando ulteriori tumulti in tutti i mercati.

“Questo è il rischio più grande in questo momento: l’inflazione e la Fed”, ha affermato Katie Nixon, chief investment officer di Northern Trust Wealth Management.

La signora Nixon ha affermato che terrà d’occhio i dati economici per valutare quanto l’aumento dei tassi di interesse stia pesando sulla crescita nei prossimi mesi. La sua azienda ha mantenuto i soldi nelle azioni statunitensi, scommettendo che l’economia rallenterà ma eviterà una recessione. Ha anche investito in società focalizzate sulle risorse naturali, una scommessa che dovrebbe ripagare se l’inflazione persiste più a lungo del previsto.

La buona notizia per gli investitori è che i mercati non sono sempre andati male dopo aver subito grosse perdite nella prima metà dell’anno. In effetti, la storia mostra che spesso hanno fatto il contrario.
Quando l’S&P 500 è sceso di almeno il 15% nei primi sei mesi dell’anno, come nel 1932, 1939, 1940, 1962 e 1970, è aumentato in media del 24% nella seconda metà, secondo Dow Jones Market Dati.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui