BitCoin: crollo intraday dopo la proposta di ban dalla Russia

La Banca Centrale Russa ha proposto di mettere fuori legge tutte le operazioni di criptovaluta (ndr BitCoin) nel paese.

0

La Banca Centrale Russa ha proposto di mettere fuori legge tutte le operazioni di criptovaluta (ndr BitCoin) nel paese, uno dei più grandi centri mondiali per il mining di token digitali.

Vedi anche: Ecco svelato cosa c’è dietro quel strano messaggio sponsorizzato sui canali…

In base alla bozza di proposta, la Russia vieterebbe tutte le emissioni e le operazioni di criptovalute. Impedirebbe alle banche di investire in crypto, bloccherebbe lo scambio di criptovalute con valuta tradizionale. E introdurrebbe la responsabilità legale per l’utilizzo di criptovalute negli acquisti. In un rapporto di 36 pagine pubblicato, la Banca Centrale ha affermato.

“La crescita vertiginosa e il valore di mercato della criptovaluta sono definiti principalmente dalla domanda speculativa per la crescita futura, che crea bolle. Le criptovalute hanno anche aspetti di piramidi finanziarie. La loro crescita dei prezzi è ampiamente supportata dalla domanda dei nuovi operatori sul mercato”.

La proposta arriva dopo che un alto regolatore finanziario dell’UE ha dichiarato al Financial Times che il blocco dovrebbe vietare il metodo di mining utilizzato per produrre la maggior parte dei nuovi Bitcoin. Una pratica ad alta intensità energetica denominata “proof-of-work”.

Elizaveta Danilova, capo del dipartimento per la stabilità finanziaria della banca centrale, ha affermato che ai cittadini russi sarebbe ancora consentito possedere criptovalute all’estero. Ma ha avvertito che le autorità di regolamentazione avrebbero tracciato le loro partecipazioni. “Riteniamo molto importante vietare l’utilizzo dell’infrastruttura finanziaria russa per ottenere criptovalute. Pensiamo che questo aiuterà a rimuovere una parte significativa dei rischi e garantire che la criptovaluta non sarà così popolare”, ha affermato, secondo Interfax.

L’annuncio non sembrava coinvolgere il prezzo del bitcoin, almeno nella giornata di ieri. Giovedì è salito dell’1,8% rispetto al dollaro. Elvira Nabiullina, la governatrice della banca centrale russa, è una scettica di lunga data sulle criptovalute.

“Ci sono grandi rischi che le criptovalute vengano utilizzate per riciclaggio di denaro e operazioni illegali. Abbiamo speso molti sforzi per ripulire il sistema finanziario da operazioni illegali e dubbie. Un numero significativo delle licenze bancarie che abbiamo revocato erano dovute al fatto che stavano facendo cose dubbie come questa”.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui