Apertura annuale effervescente dell’azionario globale, proseguirà ?

L'azionario globale è aumentato questa settimana, grazie agli investitori che hanno guardato oltre i violenti scontri a Washington di mercoledì e i NFP di venerdì scorso.

0
azionario globale

L’azionario globale ha registrato i maggiori guadagni settimanali da novembre. Gli investitori hanno ignorato ampiamente la violenza a Washington e la perdita di posti di lavoro negli Stati Uniti.

I mercati azionari statunitensi hanno chiuso la settimana in progresso, dopo una sessione volatile caratterizzata da una lettura debole dei libri paga non agricoli che ha messo in dubbio la forza della ripresa economica.

La fiducia degli investitori riguardo alla spesa pubblica aggiuntiva è stata raffreddata da un senatore democratico che si è dichiarato contrario al superamento di un round di stimolo da $ 2.000Mld come prima priorità per l’amministrazione Biden. Piccolo passo indietro momentaneo per gli indici, prima di rimbalzare e terminare la sessione in territorio positivo. L’indice S&P 500 è salito dello 0,5% nonostante gli ultimi dati del mercato del lavoro abbiano deluso le aspettative. Il paese ha perso 140.000 posti di lavoro a dicembre rispetto ad un aumento previsto di 71.000. Ciò nonostante, è stata la settimana migliore per l’indice dall’ultima settimana di novembre. Il Nasdaq Composite è avanzato dell’1%. In Europa, lo Stoxx 600 ha chiuso in rialzo dello 0,5%, portando i suoi guadagni settimanali a quasi +3%. La sua migliore performance dal rally guidato dai vaccini di metà novembre. Il FTSE 100 di Londra ha chiuso la settimana in rialzo di oltre il 6%, il risultato più forte da novembre. Nella regione Asia-Pacifico, il Topix del Giappone ha chiuso in rialzo dell’1,6% al suo punto più alto dall’inizio del 2018, mentre l’Hang Seng di Hong Kong è salito dell’1,2%.

L’azionario globale è aumentato questa settimana, grazie anche agli investitori che hanno guardato oltre i violenti scontri a Washington di mercoledì, quando una folla pro-Trump ha preso d’assalto il Campidoglio e ha interrotto la conferma di Biden come presidente eletto.

Jim Reid, uno stratega di Deutsche Bank:
“L’unico rumore nei mercati. . . è stato un fuggi fuggi rialzista, mentre hanno continuato il loro buon inizio 2021 “.

Catherine Doyle, specialista in investimenti nel team Real Return di Newton Investment Management, ha affermato che il voto della Georgia e le aspettative per ulteriori stimoli é “ciò che domina i mercati”. In assenza di ostacoli relativi al lancio del vaccino o a un nuovo ceppo del virus, “possiamo affermare che siamo davvero sulla buona strada per un recupero abbastanza coerente e costante”.

Inflazione ?

Le aspettative che ulteriori stimoli alimenteranno anche l’inflazione, hanno aiutato a portare il rendimento del Tesoro USA a 10 anni sopra l’1% questa settimana per la prima volta dalla pandemia a marzo 2020.

Leggi anche: L’esito elettorale in Georgia spinge il rendimento del T-Note oltre l’1%

Il bond a 10 anni è salito all’1,11% venerdì. “Stiamo guardando l’inflazione come un rischio chiave”, ha detto Mona Mahajan, stratega degli investimenti e gestore di portafoglio degli Stati Uniti presso Allianz Global Investors. Aggiungendo che, se le pressioni inflazionistiche continuano a crescere, “un cambiamento di sintonia dalla Fed” potrebbe arrivare sul tavolo.

Value Stocks

Tutti e tre i principali benchmark hanno raggiunto livelli record giovedì, con un’ampia gamma di settori in progresso. Le azioni “value” – azioni giudicate a buon mercato rispetto ai loro guadagni o asset – hanno registrato performance particolarmente buone. “I giochi di valore stanno davvero funzionando molto bene in questa prima settimana”, ha affermato Nadège Dufossé, responsabile della strategia cross-asset presso il gestore di fondi con sede in Lussemburgo Candriam. L’ambiente è “più costruttivo per le attività rischiose e per il commercio di reflazione”, ha aggiunto.

Anche le aziende tecnologiche hanno registrato una ripresa. “Le azioni tecnologiche stanno progredendo, indicando che il divario di valutazione tra valore e crescita richiederà tempo per convergere fino a quando l’economia non guadagnerà più trazione”. Parole di Sebastien Galy, senior macro strategist di Nordea Asset Management.

Di parere opposto Fahad Kamal, chief investment officer di Kleinwort Hambros. Ha avvertito gli investitori, sottolineando dovrebbero invece diffidare dei possibili rischi: le elevate valutazioni azionarie, l’inflazione crescente e le “montagne di debito”. “Ci manca qualcosa? Siamo nelle ultime fasi di un toro davvero inebriante che sta per schiantarsi? “.

Commodities

Il Brent, il benchmark petrolifero internazionale, è salito del 3,3% a 56,20 dollari al barile, chiudendo la settimana con un guadagno dell’8%, la migliore performance settimanale in quattro mesi. L’oro invece, è scivolato del 3,5% a 1.847 dollari l’oncia sulla rinnnovata speranza di una ripresa più sostenuta nel 2021.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui