Aiuto! S&P 500, Dollaro e T-Note in balia delle news

Il Nasdaq, venerdì è scivolato dell'1,4% dopo un'altra sessione di scambi volatili, mentre l'S&P 500 è sceso dello 0,6%.

0

Il Nasdaq, venerdì è scivolato dell’1,4% dopo un’altra sessione di scambi volatili, mentre l’S&P 500 è sceso dello 0,6%. I rendimenti dei titoli del Tesoro di riferimento che sostengono i costi finanziari in tutto il mondo sono aumentati.

Vedi anche: Crolla la Sterlina. Bank of England shock: recessione possibile

Le azioni statunitensi hanno subito la peggiore serie di perdite settimanali in più di un decennio dopo giorni di tumultuosi scambi che circondano la decisione della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale. Entrambi gli indici hanno perso terreno per l’intera settimana, segnando ciascuno la quinta settimana consecutiva di ribassi. Ciò rappresenta la peggiore serie di vittorie consecutive da giugno 2011 per l’S&P 500 e novembre 2012 per il Nasdaq, quando i mercati sono stati colpiti dalla crisi del debito dell’eurozona e dalle conseguenze del crollo finanziario globale.

Il trading di questa settimana è stato caratterizzato da forti rialzi in alcuni giorni, ma da vendite ancora più marcate in altri. Gli investitori inizialmente hanno reagito con sollievo mercoledì. Quando la Fed ha alzato il suo tasso di interesse principale di 0,5 punti percentuali, il primo aumento di tale portata in più di due decenni. Ciò era in parte dovuto al fatto che il presidente Jay Powell sembrava escludere un aumento ancora maggiore di 0,75 punti percentuali per ora. Ma la risposta iniziale è stata seguita da due giorni di vendite pesanti.

Analisti e investitori hanno offerto molteplici teorie per le brusche rotazioni, ma l’umore principale era quello del disorientamento.

 “C’è un’enorme confusione nei mercati”, ha affermato Kristina Hooper, chief global market strategist di Invesco. Stuart Kaiser, responsabile della ricerca sui derivati ​​azionari globali presso UBS, ha notato che la flessione è stata “sconcertante”. Aggiungendo che il suo team ha “trovato un feedback poco coerente da parte degli investitori”.

Alcuni hanno sottolineato la decisione della Banca d’Inghilterra di aumentare i tassi di interesse giovedì mattina, prevedendo anche che una recessione fosse in arrivo, una prospettiva cupa che ha fatto salire i rendimenti dei titoli di Stato.

Venerdì, il Bureau of Labor Statistics USA ha pubblicato un altro rapporto sull’occupazione. Il report mostrava che i datori di lavoro americani hanno aggiunto 428.000 posti di lavoro ad aprile. Superando le previsioni per 391.000 nuove assunzioni. È stato il dodicesimo rapporto di lavoro consecutivo a mostrare un guadagno mensile di oltre 400.000.
“La pressione salariale in corso sarà considerata da molte persone nei mercati come un indicatore che l’inflazione sta diventando sempre più incorporata nel sistema e [aumenterà] le preoccupazioni su dove andranno i tassi”, ha affermato Maria Municchi, gestore di portafoglio multi-asset di M&G.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui