A Wall Street, MAI dare tutto per scontato! Una sorpresa per FED

0

La spesa al consumo negli Stati Uniti [ PCE USA ] è rallentata più del previsto il mese scorso. Le famiglie americane hanno lottato con livelli di inflazione storicamente elevati.

Vedi anche: Catastrofe sui mercati, la resa dei conti. Parla il prof. Angelo…

Il consumo personale è aumentato solo dello 0,2% a maggio, in forte calo rispetto all’aumento dello 0,6% registrato il mese precedente e mancando le aspettative degli economisti per un aumento dello 0,4%, ha affermato giovedì il Dipartimento del Commercio.
Adeguandosi all’inflazione, il mese scorso la spesa si è contratta dello 0,4%.

La spesa per consumi è il motore chiave dell’economia statunitense e gli economisti osservano attentamente i segnali di ridimensionamento. I dati arrivano un giorno dopo che una revisione del rapporto sul PIL del primo trimestre ha mostrato che i consumi personali sono aumentati solo dell’1,8% rispetto ai precedenti rapporti di un aumento del 3,1%.

“Il calo della spesa reale dei consumatori [ PCE USA ] a maggio sottolinea che esiste un limite all’inflazione che i consumatori statunitensi sono disposti e in grado di tollerare”, ha affermato Lydia Boussour, economista di Oxford Economics.

Le famiglie americane sembrano aver sostenuto i livelli di spesa di fronte all’inflazione alle stelle attingendo ai loro risparmi per la pandemia. I redditi personali sono aumentati dello 0,5 per cento a maggio, ma sono diminuiti dello 0,1 per cento al netto dell’inflazione e delle tasse. Nel frattempo, il tasso di risparmio è salito al 5,4%, ma rimane nettamente inferiore al picco di oltre il 30% registrato nell’era della pandemia.
Il taglio della spesa è arrivato quando le pressioni complessive sui prezzi sono aumentate il mese scorso. L’indice dei prezzi delle spese per consumi personali è aumentato dello 0,6% su base mensile, dopo un aumento dello 0,2% ad aprile. Il PCE annuale è rimasto in rialzo del 6,3%.

Il cosiddetto core PCE, la misura di inflazione preferita dalla Federal Reserve che esclude articoli volatili come cibo ed energia, è aumentato dello 0,3% su base mensile, come ad aprile. Su base annua, il PCE core è sceso al 4,7% dal 4,9% di aprile, superando le aspettative degli analisti del 4,8%.
La Fed ha lasciato intendere che un altro aumento del tasso di 0,75 punti percentuali è in programma nella riunione del mese prossimo, dopo aver già registrato il suo primo aumento di tre quarti di punto dal 1994 questo mese, mentre i politici cercano di tenere sotto controllo l’inflazione.

Hai trovato questo articolo interessante? Iscriviti al nostro canale Telegram gratuito: clicca qui